VISITE GUIDATE A VERONA E PROVINCIA

Turismo a Verona - Valpolicella - Soave

Itinerari Verona

Visite guidate a Verona
Verona Generale
La Verona di Giulietta e Romeo
Verona Sotterranea
Le Chiese di Verona
Itinerari nei Musei di Verona
Verona Veneziana
Verona Fortificata
 
Gite scolastiche a Verona
Itinerari in Provincia
Lago di Garda
Degustazioni in Cantina
Itinerari Valpolicella

musei verona
 


Itinerari Turistici Guidati: i Musei di Verona

Verona in rapporto alle sue dimensioni ha un numero considerevole di musei e spazi espositivi. Al di là del numero, i contenuti e le ambientazioni di questi musei li rendono spesso dei luoghi unici nel panorama museale non solo nazionale ma anche internazionale. Assieme alle guide di Verona, i musei cittadini possono diventare integrazioni dei consueti itinerari guidati a Verona, o rappresentare dei percorsi a se' stanti, da pianificare preventivamente.
Di seguito alcuni spunti per orientarsi all'interno della vasta offerta museale veronese.

Museo di Castelvecchio
Il Museo di Castelvecchio è il principale spazio museale di Verona. Sede del museo è Castelvecchio, la fortezza voluta dagli scaligeri a metà del '300. Nelle sale del castello, a partire da fine '800, confluirono varie collezioni e raccolte d'arte veronese di varie epoche che possono ancora esservi ammirate. Si va da sculture romaniche e gotiche dei vari artisti-artigiani gotici, via via fino alle collezioni di pale d'altare trecentesche e al gotico cortese del Pisanello e di Stefano da Verona, fino ai dipinti mantegneschi di Girolamo dai Libri e ad alcune opere giovanili di Paolo Veronese.
Opera inusuale ma non meno importante di Castevecchio è il resturo e l'allestimento realizzato da Carlo Scarpa a partire dagli anni '50 e che ancora oggi è considerata tra le sue oper più importante e studiato da architetti che a questo scopo vengono a Verona da tutto il mondo.

Museo Archeologico del Teatro Romano
Il Museo archeologico di Verona è allestito all’interno del vecchio convento dei Gesuati di San Girolamo costruito sul colle San Pietro, a picco sul Teatro Romano al quale si può accedere con lo stesso biglietto di ingresso. Il convento, sconsacrato, divenne museo nel 1923, quando vi furono trasferite le collezioni archeologiche e i reperti rinvenuti nell'Adige o estratti nel corso di scavi in città. Durante il recupero del teatro romano, rimasto sepolto dalla costruzione di vari edifici in epoca medievale emersero numerose sculture e decorazioni oggi esposte nelle celle del convento che ospita il Museo Archeologico assieme a brani di mosaici con tessere in bianco e nero e colorate, cippi funerari, stele e altari ed epigrafi varie.

Museo Lapidario Maffeiano
Nato nel 1745 nel cortile del Teatro Filarmonico di Verona caratterizzato dall'imponente pronaro a colonne di ordine gigante, rappresenta il più antico museo europeo dopo i musei Capitolini. Grazie a Scipione Maffei che volle fortemente questo museo e si adoperò con tenacia per realizzarlo, Verona ospita oggi il più antico museo pubblico d’Europa dopo i musei Capitolini. Il Museo Lapidario Maffeiano nasce attorno alla collezione di iscrizioni antiche, principalmente greche e romane raccolte da Scipione Maffei letterato e animatore della vita culturale veronese di metà settecento. Oltre alla raccolta di iscrizioni e cippi funerari del cortile esterno, nelle sale superiori sono esposte urne etrusche, iscrizioni greche e sarcofagi finemente decorati.

Galleria d'Arte Contemporanea di Palazzo Forti
Palazzo Forti è la galleria d’arte moderna e contemporanea di Verona. Sede della galleria è un antico palazzo nel cuore di Verona che fu la dimora veronese di Ezzelino da Romano. Il palazzoancora conserva parte delle strutture medievali. Passato successivamente alla famiglia Emilei si trasformò in sfarzoso palazzo nobiliare di rappresentanza con saloni riccamente decorati, corridori, ambienti di servizio che ebbero come ospite lo stesso Napoleone nel suo tragico passaggio per Verona.L’ultimo proprietario, Achille Forti, grande collezionista d’arte moderna lasciò, il palazzo in eredità alla città per farne un luogo dedicato all’arte moderna.Dal 2006 è presente un’esposizione permanente che mette in mostra alcune delle opere storiche della collezione assieme a più recenti acquisizioni. L’allestimento è focalizzato su temi attorno ai cui sono organizzate le sale espositive.Oltre agli ormai grandi classici della pittura veronese moderna come Dall’Oca Bianca, Guido Trentini, Felice Casorati, vi sono esposte sculture, pitutre, installazioni di artisti contemporanei italiani e internazionali come Vanessa Beecroft, Roberto Barni, Alik Cavaliere, Patrizia Guerresi, Medhat Shafik. Oltre alla mostra permanente Palazzo Forti organizza una ricca attività di mostre temporanee, attività didattiche, eventi vari.

Museo Canonicale
L'itinerario guidato generale di Verona ha una durata di circa 2 ore e 30 minuti e si snoda nello splendido centro storico di Verona ripercorrendo a ritroso lo svolgimento della tragica storia di Giulietta e Romeo. Si parte quindi dal vecchio monastero di San Francesco al Corso, oggi Museo degli Affreschi Cavalcaselle, nella cui cripta si ritiene sia stata sepolta Giulietta creduta da tutti morta. Ancora oggi, nelle buia e umida cripta dalle volte a crociera è conservato un vetusto sarcofago in marmo rosso di Verona attorno al quale, secondo la leggenda si sarebbe consumata la tragedia dei due infelici amanti.

Scavi Scaligeri
Le indagini archeologiche in cortile Mercato Vercchio condotte dal 1981 al 1985 portarono alla luce una tale quantità di reperti che si decise di realizzare una sorta di museo sotterraneo per renderli visibi nel luogo originale dove erano stati ritrovati. Gli spazi sotterranei oggi ospitano in realtà la sede espositiva del Centro Internazionale di Fotografia che vi tiene con regolarità mostre fotografiche. Le sale tuttavia si snodano fra mosaici di pavimentazione romana del I e II sec.d.C., muri perimetrali e resti di absidi altomedievali, tombe di epoca longobarda. Vi è inoltre un lungo tratto di selciato romano completo cloaca in mattoni perfettamente conservata. La visita agli Scavi Scaligeri è un viaggio affascinante nella Verona di duemila anni fa e può diventare una valida integrazione di un itinerario didattico o di un itinerario nella Verona Romana.

Museo di Scienze Naturali
in un elegante palazzo rinascimentale disegnato dal celebre MIchele Sanmicheli è ospitato il Museo di Scienze Naturali di Verona, nel suo genere tra i più interessanti d'Europa. L’esposizione permanente visitabile occupa una superficie di 1572 mq e comprende collezioni suddivise in Zoologia 50%, Botanica 20%, Geologia, Paleontologia e Preistoria 15%.Fondamentali nella fama del Museo di Scienze Naturali di Verona sono le collezioni di fossili provenienti da Bolca, così come i reperti palafitticoli del Lago di Garda. Molto fornita è pure la biblioteca del museo che raccoglie migliaia di volumi, estratti e riviste specialistiche di settore.Negli anni ha svolto una importante attività di riorganizzazione delle collezioni e di riorganizzazione per migliorare il servizio del museo. A questo scopo negli ultimi anni sono aumentate le attività didattiche, rivolte soprattutto alle scuole e alle famiglie.

Museo Africano
Il Museo Africano di Verona ha avuto origine dalle collezioni di manufatti e reperti di vario genere portati in Italia dai Missionari Comboniani ordine missionario istituito da San Daniele Comboni, e che dalla metà dell’ottocento operava per il sostegno e l’emancipazione dell’Africa subsahariana.Nel 1938 i vari oggetti trovarono la loro collocazione nel Museo Africano di Verona che con gli anni diventò un importante punto di riferimento per tutti i ricercatori e gli appassionati di culture africane, con una biblioteca di oltre 20.000 volumi, una fornita cineteca, pubblicazioni, mostre temporanee, conferenze, eventi che vi si svolgono con regolarità.Una visita al Museo Africano può diventare un viaggio affascinante in culture molto distanti da quelle occidentali. La visita al Museo Africano può diventare un importante strumento didattico per scolaresche.

Museo Fondazione Miniscalchi Erizzo
La Fondazione Miniscalchi Erizzo è nata nel 1955 per mezzo di un lascito testamentario dell’ultimo discendente della famiglia Miniscalchi Erizzo che si concretizzò nel 1990 con la costituzione di una sorta di museo d'ambiente realizzato in un palazzo quattrocentesco del centro di Verona. Il Museo Miniscalchi Erizzo ospita una collezione permanente di opere d’arte arricchitasi nei i secoli con altre preziose piccole collezioni di vario genere che ne fanno un unicum in città.Vi si trovano disegni, quadri, sculture, soprammobili in bronzo, avorio e maiolica, nonché parrucche, mobili ed oggetti d’arredmento e non, come armi, armature, libri e documenti vari.Il Museo Miniscalchi Erizzo rappresenta un interessante testimonianza del passato artistico e d'arredamento veronese. Le stanze del pian terreno ospitano esposizioni temporanee.

Il percorso esterno dell'itinerario guidato di Giulietta e Romeo è libero da barriere architettoniche di rilievo. L'interno dei singoli monumenti prevede la presenza di scale senza ausili e ascensori.

Per avere maggiori informazioni prenotare una visita guidata di Verona scrivete al Centro Guide Verona:




Veronacity guide è su verona tours -- Bookmark and Share

  » 

Informazioni : veronatour@gmail.com