VISITE GUIDATE A VERONA E PROVINCIA

Turismo a Verona - Valpolicella - Soave

Visite In Cantina
 
Itinerari Turistici a Verona
Itinerari Didattici a Verona
Itinerari in Provincia di Verona
Lago di Garda
Visite alle Cantine
Valpolicella
Soave
Bardolino
Lugana
Custoza
 
Itinerari Valpolicella
itinerari valplicella
 


Visite alle Cantine del Veronese: Valpolicella

Tra tutte le zone di produzione vitivinicola del veronese, la Valpolicella è sicuramente la più conosciuta sia a livello nazionale sia internazionalmente e questo grazie al suo vino più prestigioso: l'Amarone, prodotto che con la sua storia e il suo particolarissimo processo produttivo sta trovando un sempre maggior numero di estimatori ed appassionati.
La Valpolicella Classica è la zona di produzione storica costituita dall'area collinare compresa tra Verona a ovest e il lago di Garda a est e una delle più antiche zone di produzione vinicola d'Italia. Un vino dolce, probabilmente molto simile all'attuale Recioto, veniva già prodotto qui in epoca romana, trasportato in piccole botti lungo la via Claudio Augusta che passava vicino alla regione e, allungato con acqua e speziato, era apprezzato ai banchetti dei patrizi romani. Nel quinto secolo, Cassiodoro, ministro di Teodorico, re dei visigoti, in una lettera parla di questo vino prodotto da uve semiappassite in una regione chiamata Valpolicella.
Il nome stesso della regione con tutta probabilità deriva dal latino Val polis cellae, ossia valle dalle molte cantine.
L'attuale Valpolicella viene realizzato con uve autoctone rondinella, molinara e corvina. Il vino così ottenuto diventa Valpolicella Classico e Valpolicella Classico Superiore dopo un ulteriore affinamento con la tecnica del Ripasso e con l'invecchiamento in botte.

L'AMARONE
Con le medesime uve, attraverso un particolarissimo processo di appassimento viene realizzato anche il famoso Amarone. Le uve vengono raccolte all'inizio della vendemmia, con una selezione manuale che richiede esperienza e precisione per scegliere solo i grappoli migliori, adatti a sostenere il lungo processo di essiccamento. Adagiate su graticci in cannucciato o in più moderne cassette di legno, restano ad appassire in apposite mansarde dette fruttai fino a gennaio. Nel processo di appassimento oltre a una concentrazione di zuccheri si realizza un'intensificazione degli aromi e dei profumi delle uve.
La fermentazione, avvenendo nei mesi più freddi dell'anno è lenta, e permette così di conservare tutti i sentori dell'uva. Il vino così ottenuto ancora carico di zuccheri e tannini, viene quindi messo a maturare in botti dove rimane per un minimo di due anni dalla vendemmia, completando la fermentazione e affinandosi per diventare il celebre Amarone. Alcune cantine, continuando l'antica tradizione, utilizzano solo grandi botti in rovere di Slavonia dove tengono l'Amarone per quattro o anche cinque anni. Altri produttori, più attenti alle nuove esigenze e tendenze del mercato, utilizzano maggiormente la barrique ottenendo gusti più moderni e versatili.
L'Amarone è un vino dall'alta gradazione alcolica, anche 16 gradi, intenso e profumato, adatto a carni arrostite e piatti saporiti e carichi, ma che esprime il suo massimo a fine pasto, da gustare a piccoli sorsi come vino "da meditazione".

IL RECIOTO
Con lo stesso processo di produzione dell'Amarone, ma arrestando la fermentazione prima del processo di affinamento, si ottiene il Recioto, la versione dolce del Valpolicella. Sempre più apprezzato per la sua corposità e la non stucchevole dolcezza. Il Recioto è un buon accompagnamento di dolci secchi come pastafrolla, sbrisolona, cantuccini, ma si esprime al meglio con formaggi stagionati o erborinati o anche da solo.

TURISMO ENOLOGICO IN VALPOLICELLA
Proprio in virtù della sua millenaria storia e vocazione vitivinicola, la Valpolicella offre numerose possibilità per una entusiasmante visita turistica, non solo per gli appassionati del vino. Molte delle cantine della Valpolicella hanno sede in splendide ville rinascimentali e barocche, sviluppatesi attorno a fiorenti attività agricole: Bertani, Santa Sofia, Villa Giona, Villa della Torre, sono solo alcuni esempi di splendide ville agricole ancora oggi visitabili. In molte cantine è possibile effettuare visite guidate per conoscere il metodo di produzione del Valpolicella Classico, dell'Amarone e del Recioto. Si potranno visitare quindi i vigneti, la sale di appassimento, le cantine con le immense botti, e naturalmente degustare i famosi vini della Valpolicella.
La Valpolicella è inoltre ricca di piccoli gioielli di architettura romanica come le pievi di San Floriano e San Giorgio che possono costituire un interessante complemento alla più classica visita con degustazione.
La zona offre inoltre la possibilità di assaggiare i prodotti tipici della tradizione culinaria veronese come il formaggio Monte Veronese, la soppressa, la pastissada, ecc, nei molti ristoranti e osterie caratteristiche.

Le guide turistiche di Verona organizzano speciali itinerari enogastronomici alla scoperta dei vini, dei monumenti e dei prodotti gastronomici della Valpolicella. Gli itinerari in Valpolicella sono ideali sia per grandi gruppi, sia per piccoli tour e anche per turisti individuali e vi è la possibilità di scegliere tra un gran numero di soluzioni. Le guide di Verona si occuperanno di ogni aspetto della pianificazione del tour: trasporto, prenotazione in cantina e ristorante, pianificazione dell'itinerario.

Per qualsiasi ulteriore informazione sugli itinerari turistici enogastronomici, sulle visite guidate alle cantine del veronese o per pianificare il vostro tour assieme alle guide di Verona scrivete a:




Le guide turistiche di Verona sono su verona tours -- Bookmark and Share

  » 

Informazioni : veronatour@gmail.com