La Casa di Giulietta (Anche per Single)

Uno dei monumenti più celebri di Verona, attrazione che ogni porta in città milioni di visitatori, è certamente la casa dove vissero i Capuleti, la famiglia che secondo la tradizione diede i natali a Giulietta, protagonista di una dei più famosi racconti al mondo.
Inequivocabili nella toponomastica cittadina e all'interno dell'edificio, vi sono i segni di una pur misteriosa famiglia detta Capuleti, Cappelletti o, secondo altre versioni, Dal Cappello. La casa di Giulietta sorge infatti sulla centrale via Cappello e, all'interno del cortile, sulla chiave di volta dell'arco di ingresso, ancora oggi è visibile il rilievo che raffigura uno stemma gentilizio a forma di cappello.

L'edificio si trovava in stato di abbandono quando ai primi del '900 venne completamente restaurato cercando di riportarlo, secondo alcuni con un po' troppa libertà, all'aspetto che avrebbe potuto avere all'epoca della sua costruzione, tra la fine del '200 e i primi del '300. In quell'occasione si cercò di ricreare gli ambienti che emergono nella trama della leggenda, come ad esempio un grande salone dove si sarebbe potuta tenere la festa in cui Romeo incontra Giulietta per la prima volta.
La casa di Giulietta è oggi aperta al pubblico e visitabile. Al suo interno sono esposti alcuni memorabilia come ad esempio il letto e due costumi di scena utilizzati nel film "Giulietta e Romeo" di Franco Zeffirelli.
Di tanto in tanto l'edificio ospita mostre temporanee.

Il Balcone di Giulietta

Sulla facciata principale che dà sul cortile è possibile ammirare il celebre balcone dove i più romantici possono immaginare la bella Giulietta, sporgersi a incontrare il suo Romeo pronunciando le celebri parole: "O Romeo Romeo, perché sei tu Romeo". Ricordiamo che non fu Shakespeare il primo a scrivere dei due sfortunati amanti, bensì un italiano, tale Luigi da Porto, seguito qualche decennio dopo da da Matteo Bandello che pubblicò un'ulteriore versione. Ciò dimostra come già nel '500 tale leggenda fosse assai diffusa in tutta Europa tanto da arrivare fino alla lontana Inghilterra dove il Bardo la trasformò in quell'immortale capolavoro che è la tragedia "Romeo and Juliet". Come spesso accade, in una leggende c'è sempre un fondo di verità.

La Statua

All'interno del romantico cortile dove vengono a scambiarsi promesse d'amore amanti da tutto il mondo, si trova una statua in bronzo di Giulietta, realizzata a fine anni '60 da Nereo Costantini, artista veronese.
La statua ha ben presto fatto nascere una simpatica tradizione che ogni visitatore deve onorare e che è spunto per un'immancabile foto ricordo.

Il Muro dell'Amore

Sul muro di ingresso, fidanzati e innamorati provenienti da tutto il mondo scrivono i loro nomi e frasi romantiche su quello che è ormai stato ribattezzato il muro di Giulietta. La tela che ricopre l'intonaco viene di tanto in tanto rinnovata ed è stata utilizzata per la realizzazione di opere d'arte, magliette, etichette di vino, gadget vari.

Per qualsiasi informazione, prenotazione di guide turistiche autorizzate, definizione di itinerari per visitare Verona e per ripercorrere le tracce della leggenda di Giulietta e Romeo scrivete a: